Riccardo Mannelli: il poeta del vero

Grande Maestro e incredibile disegnatore, Mannelli riesce a trasferire nelle sue opere (realizzate in gran parte con la penna bic) la verità nuda e cruda, come le donne che sono ritratte senza veli, nelle posizioni più sconce, lassive, vere appunto.
E spero che nessuno sia offeso dalla precisione con cui le ritrae: capelli in disordine, imperfezioni, espressioni ambigue.. Perchè questa è la vita, questo siamo noi.

La filosofia dei suoi disegni mi suscita immagini di Schiele, Caravaggio, e nell’uso del chiaroscuro e del tratto ossessivamente ripetuto anche Leonardo da Vinci. Ogni opera è un viaggio in un mondo che parla di periferia, di persone che sono ai margini della società ma sono fiere di esserlo.

I ritratti non si ingentiliscono neanche quando i soggetti sono personaggi illustri.
Caricature, espressioni grottesche che si aprono su politici, imprenditori. Non è qui che però raggiunge il massimo della sua espressione, la gente comune è lo specchio della sua arte più nobile.

Il nudo integrale del corpo e della mente.

BIOGRAFIA

Classe 1955, Mannelli è nato a Pistoia, vive e lavora a Roma nel quartiere Pigneto.
Ha lavorato per La Repubblica, dopo aver pubblicato su importanti riviste nazionali ed estere quali: Il Male, L’Europeo, La Stampa, Il Messaggero, Lotta Continua, Il Manifesto, Il Mago, Il Clandestino, Linus, Alter Linus, Blue, Comic Art, Cuore, Zut, L’Heco des Savanes, Umor, Boxer. Ha fondato assieme a Vauro e Pino Zac la cooperativa “IL MALE” e insegna Disegno dal vero e Anatomia all’istituto Europeo del Design in cui coordina il Dipartimento Illustrazioni.

Scritto da
More from Redazione

Servizio Fotografico di Pixell nell’Hotel disegnato da Renzo Piano

Pixell ha realizzato il servizio fotografico presso l'Idea Hotel di Nola.L'Hotel si...
Scopri di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *