Fashion Italy: intervista a Sara Benevento

Fashion Italy intervista a Sara Benevento

Ciclo interviste Fashion Italy 2014, raccontiamo l’Italia che produce!

Fashion Italy: In quale ambito della comunicazione siete specializzati?
Sara Benevento: Pixell è una agenzia di comunicazione a 360 gradi, si occupa di brand identity e pubblicità offline e online

Fashion Italy: Da quanto tempo offrite i vostri servizi e quali sono i vostri clienti di riferimento principali?
Sara Benevento: L’agenzia è nata nel 2000 come studio associato e poi si è evoluta nel tempo ampliando i suoi servizi, le sue competenze e quindi il suo staff! Lavoriamo per grandi e piccoli clienti. L’importante è che abbiano voglia di creare dei prodotti di livello e di gusto, non importa la dimensione! I macro settori sono: l’informazione, il turismo di alto livello, il lusso e ultimamente anche lo sport

Fashion Italy: Quanto è difficile essere creativi in momenti di crisi come questo?
Sara Benevento: Ho sempre creduto nella qualità e nella creatività. In momenti di crisi come questo noi lavoriamo e proponiamo prodotti che si debbano distinguere dagli altri, costruiti su misura per ogni cliente, facciamo cioè un prodotto che in sartoria si definisce “tailor made”. I nostri clienti sanno che ciò che progettiamo per loro, sia che si tratti di una brochure o di un sito, è un prodotto che si distinguerà tra gli altri

Fashion Italy: Si sentirebbe di consigliare di intraprendere una carriera come la sua ad un giovanissimo?
Sara Benevento: Certamente! Pixell per politica interna ha sempre all’interno del suo staff almeno uno junior che viene selezionato dalle migliori scuole di grafica e moda italiane. Lo stager viene seguito con grande attenzione e intraprende un periodo di lavoro che comprende sia nozioni teoriche che pratiche. Cerchiamo di esaltare le sue doti naturali e insegnargli le nozioni “pratiche” che all’Università hanno poco spazio. E’ chiaro che per fare l’Art Director devi avere anche delle predisposizioni naturali quali la curiosità, la creatività, la visione d’insieme di un progetto (che è la cosa fondamentale), il gusto e molta molta pazienza!

Fashion Italy: L’economia è decisamente poco stimolante per fare investimenti, voi come contrastate questa situazione?
Sara Benevento: Con grande grinta. Noi riteniamo che la crisi debba essere un motivo per lavorare di più, si lavora il doppio per ottenere la metà, non si può pensare di lavorare poco e ottenere risultati. Bisogna mettersi in gioco, cambiare, seguire la direzione del mercato e ovviamente avere un pò di fortuna…

Fashion Italy: Cosa bisognerebbe fare secondo lei per uscire dalla crisi in tempi rapidi?
Sara Benevento: Guardi io mi occupo di comunicazione non di economia! Io credo moltissimo nel lavoro. Se tutti in Italia si alzassero la mattina con l’idea di voler lavorare o cercare il lavoro nel miglior modo possibile, forse saremmo in un paese diverso. Questo vale per ogni singolo cittadino e ovviamente per la classe politica.

Fashion Italy: Guardando alla vostra attività credete che una ripresa dell’economia sia alle porte?
Sara Benevento: Non ho gli strumenti per fare previsioni (se non ci riesce chi potrebbe farlo si figuri io), ovviamente è quello che speriamo tutti…

Fashion Italy: Come pensa che si evolverà la comunicazione nei prossimi anni
Sara Benevento: Ah, bella domanda! Parlare di comunicazione è un pò generico.. Diciamo che sia la pubblicità offline che il web vanno nella stessa direzione ovvero la volontà di colpire il più possibile i propri clienti potenziali. La crisi e la tecnologia in questo hanno prodotto lo stesso risultato: riduzione massima del budget, individuazione del target e volontà di “colpirlo” nel modo migliore e incisivo per portarlo verso l’acquisto desiderato. Sono sempre meno, soprattutto in Italia, le aziende che possono permettersi budget da milioni di Euro per la pubblicità, per cui moltissimi hanno percepito l’utilità del web e dei social media che permettono una profilazione degli utenti mai avuta prima

Fashion Italy: Secondo lei la tecnologia ed il digitale ha migliorato la qualità della comunicazione?
Sara Benevento: Il termine Comunicazione viene dal latino cum = con, e munire = legare, costruire e dal latino communico = mettere in comune, far partecipe, per cui probabilmente la “vera” comunicazione è iniziata adesso, da quando cioè i brand sono passati da una comunicazione “a senso unico”: guarda come sono bravo, guarda che bello il mio prodotto” ecc.. ad un modo di interloquire con il proprio target che viene coinvolto e messo al centro della comunicazione.

Fashion Italy: Voi siete di base nella capitale, ci sono differenze tra il centro-sud ed il centro-nord per quanto riguarda l’approccio con la comunicazione?
Sara Benevento: L’Italia è un paese meraviglioso e molto vario. Ogni contesto riflette la società e il carattere dei suoi abitanti per cui è chiaro che una pubblicità fatta a Bari debba essere diversa da una fatta a Bolzano. Sono nate infatti campagne pubblicitarie personalizzate che ad esempio sfruttano il dialetto locale o il nome della propria città inserita nella headline. Anche questo fa parte del processo di avvicinamento al cliente.

http://www.fashionitaly.com/index/2014/03/05/intervista-a-sara-benevento-pixell/

Tag dalla storia
,
Scritto da
More from Admin

Caccia al fantasmino in giro per la citta’

C8 studio, showroom multimarca Milanese ha chiesto a Pixell di studiare un...
Scopri di più